David Busst: La storia di uno degli infortuni più terribili del calcio, raccontata dalle persone coinvolte

«Sembra stupido, ma era come se lo stadio fosse silenzioso in quel preciso momento», ricorda l’ex difensore del Manchester United David May.

«Tutto quello che potevi sentire era lo schiocco della sua gamba – come se due parastinchi si fossero scontrati – poi l’urlo.»

Sta ripensando all’8 aprile 1996, il giorno in cui il difensore del Coventry City David Busst subì una terribile frattura alla gamba all’Old Trafford. Per molti, rimane il peggior infortunio calcistico catturato su pellicola.

A quattro partite dalla fine della stagione di Premier League, il Manchester United era a sei punti di vantaggio dal Newcastle United avendo giocato una partita in più.

Il Coventry era a un punto dalla salvezza, ma ha fatto una partenza che ha entusiasmato le poche migliaia di tifosi in trasferta, conquistando un corner dopo soli 86 secondi.

Il tiro di Ally Pickering è stato accolto da Noel Whelan sul primo palo, ma il suo colpo di testa è stato sventato in aria dal tuffatore Peter Schmeichel.

Busst ha corso a tutto volume verso un rimbalzo che, nella migliore delle ipotesi, è stato di 40-60 contro di lui per vincere.

Era a 10 yarde dal palo posteriore ma ha accelerato così potentemente che è arrivato sulla palla davanti ai due giocatori dello United, Denis Irwin e Brian McClair, che avevano lanciato le gambe contro la palla che rimbalzava.

La collisione ha fatto sì che la palla scivolasse solo verso la porta.

«Istintivamente ho pensato: ‘Avrebbe dovuto segnare lì'», dice May.

“Ma poi ho visto la sua gamba e, oh mio Dio, è stato orribile. Potevi vedere il dolore che provava David. Mi voltai dall’altra parte. Il solo pensiero mi fa venire i brividi lungo la schiena”.

Schmeichel era a terra con la palla al sicuro tra le mani ma, mentre stava effettuando la parata, sembrava aver visto Busst “sedersi sulla propria gamba”.

Quando il portiere danese alzò lo sguardo, si trovò di fronte uno spettacolo che sarebbe rimasto impresso nella sua mente per sempre.

Busst aveva riportato fratture composte sia alla tibia che al perone, lasciando la gamba destra incernierata con un angolo disgustoso.

“All’epoca avevamo cinque esercizi su calci piazzati con Ron Atkinson e Gordon Strachan e il numero che hanno chiamato era quello che noi abbiamo attivato sul primo palo e io sono entrato sul secondo palo. È andata perfettamente finché non sono stato sfidato, «dice Busst, che ora lavora per l’organizzazione benefica Sky Blues In The Community di Coventry L’Atletico.

“Mi sono bloccato. Avevo la sensazione di sapere che qualcosa non era nel posto giusto. Ho pensato: «Non muoverti e il dolore se ne andrà, ma il dolore non se n’è andato». Avevo paura a muovermi perché Dion Dublin aveva un’espressione di puro orrore sul viso.

“Irwin era uscito dal palo verso di me e mi ha preso sopra la caviglia, ma McClair veniva da dietro e il suo piede mi ha preso più in alto sulla tibia. Tutti e tre avremmo vinto o bloccato la palla, quindi non incolpo nessuno.

“Se due forze opposte si scontrano esattamente nella stessa frazione di secondo, può succedere solo una cosa. Probabilmente non accadrà mai più”.

Manchester United e Coventry si affrontano nella semifinale di FA Cup di domenica in una partita che non si vedeva in Premier League dal 2001, ma sarà sempre sinonimo della sosta di nove minuti che pose fine alla carriera di Busst.

«Sapevo che c’era qualcosa di veramente brutto dal rumore che faceva, ma quando ho visto la mano di Bussty in aria è stato per me», dice Paul Williams, un compagno di squadra di Coventry che aveva viaggiato con il caro amico Busst per incontrare l’autobus della squadra quella mattina.

“Ognuno era nel proprio mondo quando era giù. Non credo che due persone si siano parlate nel nostro team.

“Non riesco a ricordare un solo passaggio che ho fatto quel giorno. Non potrei nemmeno confermarti il ​​punteggio.”

Finì 1-0 per lo United, con Eric Cantona che segnò l’unico gol della partita due minuti dopo l’intervallo.

I dettagli rimangono confusi per coloro che hanno condiviso il campo quel giorno, incluso il centrocampista del Manchester United Lee Sharpe, che ha sentito il “crack” da appena fuori area.

«È stato orribile continuare a giocare», dice Sharpe. “Nessuno voleva avvicinarsi a nessuno. C’era un’atmosfera strana perché penso che tutti fossero scioccati.

«Ricordo Pete (Schmeichel) che lanciava un secchio d’acqua sul sangue in campo e lo vedeva schizzare rosso.»

Nel 1996, la struttura rudimentale dei campi di calcio implicava che entrambi i medici del club dovessero sedersi nel palco dei direttori e che i paramedici dovessero rimanere nel tunnel allo Stretford End, quindi non potevano entrare in campo per prestare cure.

È stato un incidente così senza precedenti che i giocatori dello United hanno chiesto aiuto al loro fisioterapista, David Fevre.

«I nostri ragazzi ci hanno chiamato e ci hanno detto: ‘Dave, devi risolvere questa cosa'», dice Fevre.

“Quando sono arrivato David stava urlando di dolore, quindi il mio primo pensiero è stato: ‘Ho bisogno di due giocatori sensibili che possano aiutarmi qui’. Dion Dublin e ‘Choccy’ (McClair) gli stavano parlando per togliermi lo stress e creare uno schermo fisico in modo che non potesse vedere in basso.

Quando Fevre arrivò, l’osso di Busst era penetrato attraverso la pelle e aveva creato una pozza di sangue nel box da sei yard.

La sua priorità era fermare l’emorragia ed evitare che Busst perdesse conoscenza o che si verificassero ulteriori complicazioni. Ha cercato di assicurarsi che l’erba e lo sporco venissero lavati via spruzzando soluzione salina sulle ferite aperte e poi medicandole per assorbire il sangue.

Solo allora avrebbe potuto affrontare la frattura stessa.

«La sua gamba era praticamente a 90 gradi», dice Fevre.

“A causa dell’angolo, ho controllato le pulsazioni distali del piede. Se lo perdi, perdi l’afflusso di sangue alla gamba e allora avrei avuto un problema ancora più grande da affrontare.

“Ho deciso di mantenere l’arto in quella posizione perché non volevo perdere le pulsazioni. Ho tenuto l’estremità superiore e inferiore della frattura mentre lo mettevamo sulla barella e ho mantenuto quella stabilità mentre lo portavamo in giro per il campo nel tunnel dove i paramedici potevano dargli ossigeno.


In questa immagine, ritagliata a causa della natura orribile della frattura della gamba, David May, a sinistra, e altri giocatori reagiscono all’infortunio di David Busst (PA Images tramite Getty Images)

A quei tempi era consentito solo il servizio di ambulanza di St John, il che significava che Fevre doveva condurre una risposta complessa senza molto supporto.

È uno dei tutor della Federcalcio e l’infortunio di Busst è uno di quelli che si verificano spesso.

«Non voglio sembrare blasé, ma avendo lavorato nella lega di rugby per 10 anni, mi sono abituato a infortuni del genere», afferma Fevre. “Ti rende più duro affrontarlo.

«Sono semplicemente tornato al mio posto e mi sono concentrato sul resto della partita perché qualcos’altro potrebbe succedere nel minuto successivo.»

C’era un tale disordine rimasto che l’arbitro Dermot Gallagher dovette permettere al giardiniere di entrare con un secchio d’acqua e sabbia.

Gallagher non può ancora permettere alla sua mente di indugiare su questo, 27 anni dopo.

«Mi ci sono voluti quasi due anni per tornare di nuovo all’Old Trafford», racconta L’Atletico.

“È stato il giorno peggiore della mia vita calcistica e mi perseguita ancora oggi. Evito di parlarne come della peste”.

Busst è stato addormentato mentre i medici gli sistemavano la gamba e la mettevano su una lastra posteriore, ma quello era solo l’inizio del suo recupero durante una degenza iniziale di sei settimane in ospedale.

«Ricordo il viaggio perché i dossi fuori dall’Old Trafford erano così enormi che mi sentivo come se li stessi rompendo ancora e ancora», dice Busst.

“La maggior parte delle persone pensava che fosse un incidente stradale finché non videro la divisa da calcio.

“Quando Big Ron venne a trovarmi, la prima cosa che disse fu: ‘Busty, avresti dovuto segnare!’. Non vuoi che qualcuno sia morboso perché vuoi che le persone allentino la pressione. Nessuno era migliore in questo”.

Busst aveva bisogno di un leggero sollievo poiché è stato sottoposto a 10 operazioni nei primi 12 giorni nel tentativo di ripulire e sterilizzare le aree in cui aveva contratto infezioni dei tessuti, inclusa l’MRSA.

Aveva anche un ematoma sulla parte esterna della gamba, che aveva causato così tanta infiammazione che dovettero tagliarlo per rilasciare la pressione che sembrava quella di un’enorme gamba morta.

L’infezione ha poi raggiunto i suoi tendini, che hanno dovuto essere tagliati via, lasciando solo quello che collegava l’alluce.

Busst aveva uno spillo da sei pollici inserito nella gamba per aiutare a collegare le ossa e indossava un fissatore esterno imbullonato su entrambe le estremità dello stinco nella speranza che le ossa si calcificassero e si collegassero al centro.

Ha riscontrato più problemi poiché l’infezione si stava estendendo all’esterno del perno. Questo dovette essere rimosso con un’altra operazione tre mesi dopo. Busst ha persino dovuto ricorrere a un intervento chirurgico per riparare un buco sul tendine d’Achille sinistro che si era creato compensando eccessivamente quando zoppicava.

“Uno dei grossi problemi che ho avuto è stato che non c’era rifornimento di sangue nel punto in cui si trovava la rottura. C’era il pericolo reale che dovesse essere amputato dal ginocchio in giù”, dice Busst.

“Hanno spostato la pelle dal muscolo del polpaccio per coprire il foro da cui era uscito l’osso. Poi hanno prelevato un innesto di pelle dal mio sedere per applicarlo sulla parte posteriore del polpaccio, motivo per cui sembra che sia così anche adesso.

“Una delle migliori operazioni che ho avuto due anni dopo è stata la riparazione in modo da poter sollevare il dito del piede. Questo è ciò che mi ha impedito di giocare, mi è rimasto il piede cadente. Non puoi scheggiare la palla. Mi ci sono voluti tre anni per calciare di nuovo il pallone”.

Busst era solito tagliare le estremità delle sue scarpe per poter avere un po’ di normalità, ma sapeva che dopo tre mesi non avrebbe mai più giocato a causa dei numerosi infortuni gravi.

“Tutto quello che voleva sapere quella prima sera era se avrebbe giocato di nuovo, ma non potevano dargli una risposta. È stato orribile», dice Williams, che ora gioca insieme a Busst in un campionato over 35.

“Nei miei giorni liberi lo portavo a Manchester per le cure. Avrei abbassato il sedile anteriore della mia macchina e lui si sarebbe seduto dietro con la gamba alzata e tutto il metallo che ne sporgeva.

“Era arrivato tardi al calcio professionistico e questo era tutto ciò che voleva essere. Vedergli portar via tutto questo è stato devastante, ma è più resistente di quanto lo sarei mai stata io.

“Era veloce, onesto e impegnato. Questo è ciò che ha portato al gioco quel giorno ed è ciò che alla fine ha posto fine alla sua carriera.

L’Old Trafford era già significativo per Busst nel modo in cui era entrato nel calcio professionistico. Era un ritardatario, essendo stato con il club non appartenente alla Lega Moor Green a Birmingham fino all’età di 24 anni.

Una delle sue partite di prova a Coventry era stata all’Old Trafford nel 1991, ma cinque anni dopo, all’età di 28 anni, aveva al suo attivo 50 partite di Premier League.

Williams ritiene che avrebbe avuto ancora anni a venire, il che fa sorgere la domanda: si è mai pentito di aver accettato la sfida con l’impegno di quel giorno del 1996?

«È qualcosa a cui non avevo nemmeno pensato», dice Busst. “Ero un giocatore onesto, non ero il più talentuoso ma ho messo la testa e il piede dove faceva male.

“Non ti guardi intorno pensando a chi potrebbe farmi del male, stai semplicemente andando a tutto gas verso la palla. Sono sempre stato educato ad attaccare la palla. Se avessi pensato a queste cose, mi sarei ferito anni fa.

“Non posso cambiare nulla, ma posso vedere cosa posso trarne di buono. Successivamente mi si sono aperte delle opportunità. È meglio essere famosi per qualcosa piuttosto che no.


David Busst non ha mai più giocato a livello professionistico, ma gioca a football da veterani (Getty Images)

Busst ha ricevuto telefonate da giocatori e famiglie che hanno subito infortuni traumatici e, ora 57enne, gioca anche per il Leamington Seniors.

«Adesso si lancia ancora nei contrasti di domenica», dice Williams.

“Ricordo di aver giocato un paio di partite in cui ero furioso perché la gente lo stava affrontando perché non volevo che si ripetesse, ma è l’opposto del paranoico.

Vuole solo vincere. Si arrabbia ancora quando le decisioni non vanno per il verso giusto!”

Nell’autobiografia di Schmeichel, One, ricorda di aver mostrato ai visitatori scandinavi l’Old Trafford, anni dopo l’incidente, quando Busst uscì dal tunnel.

Adesso era un allenatore delle giovanili e aveva portato un gruppo di ragazzi all’Old Trafford.

“È stato un piccolo momento di chiusura. Ciò che gli è successo non mi ha mai lasciato”, scrive Schmeichel.

“È stata la cosa peggiore a cui abbia mai assistito su un campo di calcio e così da vicino che mi sentivo quasi parte di me, se questo ha senso.

«Può sembrare strano da dire, ma in un certo senso mi ha legato a David Busst.»

(Foto in alto: Laurence Griffiths/EMPICS tramite Getty Images)