L’influenza aviaria sta contagiando più mammiferi. Che cosa significa per noi?

Nei suoi tre decenni di lavoro con gli elefanti marini, la dottoressa Marcela Uhart non aveva mai visto nulla di simile sulla scena avvenuta lo scorso ottobre sulle spiagge della penisola argentina di Valdés.

Era l’alta stagione riproduttiva; la spiaggia avrebbe dovuto pullulare di harem di femmine fertili e di maschi enormi in lotta tra loro per il dominio. Si trattava invece di “carcasse su carcasse su carcasse”, ha ricordato il dottor Uhart, che dirige il programma sanitario per la fauna selvatica dell’America Latina presso l’Università della California, a Davis.

L’H5N1, uno dei tanti virus che causano l’influenza aviaria, aveva già ucciso almeno 24.000 leoni marini sudamericani lungo le coste del continente in meno di un anno. Ora era arrivato per gli elefanti marini.

I cuccioli di tutte le età, dai neonati ai completamente svezzati, giacevano morti o morenti sulla linea dell’alta marea. I cuccioli malati giacevano svogliati, con la schiuma che colava dalla bocca e dal naso.

Il dottor Uhart l’ha definita “un’immagine dall’inferno”.

Nelle settimane successive, lei e un collega – protetti dalla testa ai piedi con guanti, camici e maschere e periodicamente inzuppati di candeggina – documentarono attentamente la devastazione. I membri della squadra si trovavano in cima alle scogliere vicine, valutando il pedaggio con i droni.

Ciò che hanno scoperto è sconcertante: il virus aveva ucciso circa 17.400 cuccioli di foca, più del 95% degli animali giovani della colonia.

La catastrofe è stata l’ultima di un’epidemia di influenza aviaria che ha fatto il giro del mondo dal 2020, spingendo le autorità di più continenti a uccidere milioni di pollame e altri uccelli. Solo negli Stati Uniti, più di 90 milioni di uccelli sono stati abbattuti nel futile tentativo di scoraggiare il virus.

Non è stato possibile fermare l’H5N1. I virus dell’influenza aviaria tendono ad essere schizzinosi nei confronti dei loro ospiti, in genere attaccandosi a un tipo di uccello selvatico. Ma questo si è rapidamente infiltrato in una gamma sorprendentemente ampia di uccelli e animali, dagli scoiattoli e le puzzole ai delfini tursiopi, agli orsi polari e, più recentemente, alle mucche da latte.

«Nella mia carriera influenzale, non abbiamo mai visto un virus che espandesse la sua gamma di ospiti in questo modo», ha detto Troy Sutton, un virologo che studia i virus dell’influenza aviaria e umana alla Penn State University.

Il colpo ai mammiferi marini, alle industrie lattiero-casearie e avicole è già abbastanza preoccupante. Ma la preoccupazione più grande, dicono gli esperti, è ciò che questi sviluppi lasciano presagire: il virus si sta adattando ai mammiferi, avvicinandosi alla diffusione tra le persone.

Una pandemia umana non è affatto inevitabile. Almeno finora, i cambiamenti nel virus non indicano che l’H5N1 possa causare una pandemia, ha detto il dottor Sutton.

Tuttavia, ha detto: “Non sappiamo davvero come interpretarlo o cosa significhi”.


Un ceppo altamente patogeno del virus H5N1 è stato identificato nel 1996 negli uccelli acquatici domestici in Cina. L’anno successivo, 18 persone a Hong Kong furono infettate dal virus e sei morirono. Successivamente il virus rimase silenzioso, ma riemerse a Hong Kong nel 2003. Da allora, ha causato dozzine di focolai nel pollame e ha colpito più di 800 persone che erano a stretto contatto con gli uccelli.

Nel frattempo, ha continuato ad evolversi.

La versione dell’H5N1 attualmente diffusa in tutto il mondo è emersa in Europa nel 2020 e si è diffusa rapidamente in Africa e Asia. Ha ucciso decine di uccelli d’allevamento, ma a differenza dei suoi predecessori si è diffuso ampiamente anche tra gli uccelli selvatici e in molti altri animali.

La maggior parte delle infezioni dei mammiferi erano probabilmente casi “senza uscita”: una volpe, forse, che mangiò un uccello infetto e morì senza trasmettere il virus. Ma alcuni focolai più grandi hanno suggerito che l’H5N1 fosse capace di fare di più.

Il primo indizio arrivò nell’estate del 2022, quando il virus uccise centinaia di foche nel New England e nel Quebec. Pochi mesi dopo, si è infiltrato in un allevamento di visoni in Spagna.

Almeno nel visone, la spiegazione più probabile era che l’H5N1 si fosse adattato per diffondersi tra gli animali. L’entità delle epidemie tra i mammiferi marini in Sud America ha sottolineato questa probabilità.

«Anche intuitivamente, penso che la trasmissione da mammifero a mammifero sia molto probabile», ha affermato Malik Peiris, virologo ed esperto di influenza aviaria presso l’Università di Hong Kong.

Dopo essere stato rilevato per la prima volta in Sud America, negli uccelli della Colombia, nell’ottobre 2022, il virus si è diffuso lungo la costa del Pacifico fino alla Terra del Fuoco, la punta più meridionale del continente, e lungo la costa atlantica.

Lungo il percorso uccise centinaia di migliaia di uccelli marini e decine di migliaia di leoni marini in Perù, Cile, Argentina, Uruguay e Brasile. I leoni marini si comportavano in modo irregolare, sperimentando convulsioni e paralisi; le donne incinte abortivano i loro feti.

“Quello che è successo quando il virus si è trasferito in Sud America non lo avevamo mai visto prima”, ha detto il dottor Uhart.

Non è chiaro esattamente come e quando il virus sia passato ai mammiferi marini, ma molto probabilmente i leoni marini sono entrati in stretto contatto con uccelli infetti o escrementi contaminati. (Sebbene i pesci costituiscano la maggior parte della dieta dei leoni marini, a volte mangiano gli uccelli.)

Ad un certo punto, è probabile che il virus si sia evoluto per diffondersi direttamente tra i mammiferi marini: in Argentina, la morte dei leoni marini non è coincisa con la mortalità di massa degli uccelli selvatici.

«Ciò potrebbe suggerire che la fonte dell’infezione non fossero gli uccelli infetti», ha affermato il dottor Pablo Plaza, veterinario della fauna selvatica presso l’Università Nazionale di Comahue e il Consiglio Nazionale della Ricerca Scientifica e Tecnica in Argentina.

Non è difficile immaginare come il virus potrebbe disperdersi in questi animali: gli elefanti marini e i leoni marini si riproducono entrambi in colonie, affollandosi insieme sulle spiagge dove combattono, si accoppiano e abbaiano l’uno contro l’altro. Gli elefanti marini starnutiscono tutto il giorno, disperdendo ogni volta grandi goccioline di muco.

È difficile dimostrare esattamente come e quando il virus si è trasferito da una specie all’altra. Ma l’analisi genetica supporta la teoria secondo cui i mammiferi marini hanno contratto le infezioni gli uni dagli altri, non dagli uccelli. I campioni di virus isolati dai leoni marini in Perù e Cile e dagli elefanti marini in Argentina condividono tutti circa 15 mutazioni non osservate negli uccelli; le stesse mutazioni erano presenti anche in un uomo cileno infetto l’anno scorso.

Esistono numerose opportunità per l’H5N1 di passare dai mammiferi marini alle persone. Un elefante marino maschio malato, rimasto seduto per un giorno e mezzo su una spiaggia pubblica in Argentina, si è rivelato portatore di enormi quantità di virus. In Perù, gli scienziati hanno raccolto campioni dalle carcasse di leoni marini che giacevano accanto alle famiglie che si godevano una giornata in spiaggia.

Gli animali saprofagi, come i cani, potrebbero anche raccogliere il virus da una carcassa infetta e poi diffonderlo in modo più ampio: «Nessuno degli animali selvatici esiste nei loro piccoli silos», ha detto Wendy Puryear, virologa della Tufts University che ha studiato il New England. focolai di foche.

In alcuni paesi del Sud America, a parte alcune carcasse che furono sepolte, il resto è rimasto sulle spiagge, a marcire e divorato.

«Come si fa a rimuovere 17.000 cadaveri in mezzo al nulla, in luoghi dove non è possibile abbattere nemmeno macchinari e scogliere gigantesche?» Ha detto il dottor Uhart.


I virus influenzali sono abili nel rilevare nuove mutazioni; quando due tipi di virus influenzali infettano lo stesso animale, possono mescolare il loro materiale genetico e generare nuove versioni.

Non è chiaro esattamente come e quanto il virus H5N1 sia cambiato dalla sua comparsa. Uno studio dello scorso anno ha dimostrato che dopo che il virus è entrato negli Stati Uniti, si è rapidamente mescolato con altri virus influenzali che circolavano qui e si è trasformato in varie versioni: alcune lievi, altre causando gravi sintomi neurologici.

«Così ora, dopo 20 anni di riassortimento, abbiamo un virus che in realtà si comporta straordinariamente bene in un’intera varietà di specie di uccelli e mammiferi», ha affermato Vincent Munster, virologo presso l’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive che ha studiato le mutazioni necessarie affinché H5N1 si adatti alle persone.

Ogni nuova specie che ospita il virus crea opportunità per l’H5N1 di continuare ad evolversi e di penetrare negli esseri umani.

E il virus potrebbe imbattersi in mutazioni che nessuno ha ancora preso in considerazione, permettendogli di oltrepassare la barriera della specie. Questo è quello che è successo durante l’epidemia di influenza suina del 2009.

Quel virus non aveva le mutazioni ritenute necessarie per infettare facilmente le persone. Invece, “presentava queste altre mutazioni di cui nessuno conosceva o a cui nessuno aveva pensato prima”, ha detto Louise Moncla, una biologa evoluzionista che studia l’influenza aviaria all’Università della Pennsylvania.

Tuttavia, anche se il virus si trasmettesse alle persone, “potremmo non vedere il livello di mortalità di cui siamo veramente preoccupati”, ha affermato Seema Lakdawala, virologo della Emory University. “L’immunità preesistente ai ceppi influenzali stagionali fornirà una certa protezione dalle malattie gravi”.


Gli Stati Uniti sono preparati per una pandemia influenzale, con alcuni vaccini e antivirali accumulati, ma i loro sforzi per monitorare il virus potrebbero non rilevarlo abbastanza rapidamente da utilizzare tali strumenti.

Ci sono volute diverse settimane prima che gli allevatori, e poi i funzionari, sapessero che l’H5N1 circolava nelle mucche da latte.

L’epidemia negli allevamenti da latte ha provocato solo una lieve infezione umana, ma gli allevamenti sono terreno fertile per il passaggio del virus da una specie all’altra: dal gatto alla mucca, al maiale e all’uomo, in qualsiasi ordine.

Molti scienziati si preoccupano in particolare dei maiali, che sono sensibili sia ai ceppi di influenza umana che a quella aviaria, fornendo il perfetto miscuglio per lo scambio di geni dei virus. I maiali vengono macellati quando sono molto giovani e le nuove generazioni, senza precedenti esposizioni all’influenza, sono particolarmente vulnerabili alle infezioni.

Finora, l’H5N1 non sembra in grado di infettare i maiali, ma la situazione potrebbe cambiare man mano che acquisisce nuove mutazioni.

«Non ho mai lasciato che i miei figli andassero a una fiera statale o a una fattoria con animali, sono uno di quei genitori», ha detto il dottor Lakdawala. «Ed è soprattutto perché so che maggiore è il numero di interazioni che aumentiamo con gli animali, maggiori sono le opportunità.»

Se l’H5N1 dovesse adattarsi alle persone, i funzionari federali dovranno lavorare insieme e con le loro controparti internazionali. Il nazionalismo, la concorrenza e la burocrazia possono rallentare lo scambio di informazioni che sono cruciali nello sviluppo di un’epidemia.

In un certo senso, l’attuale diffusione tra le vacche da latte è un’opportunità per praticare l’esercitazione, ha affermato Rick Bright, amministratore delegato di Bright Global Health, una società di consulenza che si concentra sul miglioramento delle risposte alle emergenze sanitarie pubbliche. Ma il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti è stato troppo limitato nel suo approccio ai test sulle mucche, e non è stato così tempestivo e trasparente con i suoi risultati come avrebbe dovuto essere, ha detto.

Mercoledì, il dipartimento ha ordinato che le vacche da latte che si spostavano attraverso i confini di stato venissero sottoposte al test per l’influenza.

La dottoressa Rosemary Sifford, veterinaria capo del dipartimento, ha detto che il personale sta lavorando duramente per condividere le informazioni il più rapidamente possibile. “Questa è considerata una malattia emergente”, ha detto.

I leader governativi sono generalmente cauti e desiderano vedere più dati. Ma “data la rapida velocità con cui questo può diffondersi e la malattia devastante che può causare se i nostri leader sono titubanti e non premono i grilletti giusti al momento giusto, verremo colti di sorpresa ancora una volta”, ha affermato il Dott. Ha detto Bright.

“Se non diamo panico ma gli diamo rispetto e dovuta diligenza”, ha aggiunto, alludendo al virus, “credo che possiamo farcela”.